> >Tender e motori> COME SCEGLIERE E MANTENERE IN BUONO STATO UN ANODO

COME SCEGLIERE E MANTENERE IN BUONO STATO UN ANODO

COME SCEGLIERE E MANTENERE IN BUONO STATO UN ANODO



L’ANODO
IL BALUARDO CONTRO LA CORROSIONE SOTTO-MARINA!

L’anodo è la migliore protezione di una barca dalla corrosione dei pezzi metallici che la compongono. Gruppo poppiero del motore, elica, telaio di poppa, agugliotti, chiodi, scafo… tutti questi pezzi con il tempo di corrodono se sono in ottone, bronzo, acciaio o alluminio. Gli effetti corrosivi sono molto rilevanti in acqua di mare, dove le barche sono sottoposte a fenomeni elettrolitici ed elettrochimici prolungati.



Ciò che è fondamentale:

L'acqua di mare provoca degli effetti corrosivi rilevanti dovuti a fenomeni elettrolitici; le correnti elettriche che li provocano sono generate da differenze di potenziale tra i pezzi metallici e l'acqua (soprattutto l'acqua salata) che creano dei campi elettrici e "consumano" quindi la materia. La conseguenza di questi fenomeni è la distruzione dei pezzi metallici: vi è una perdita di materia.

Per evitare l'insorgere di tali fenomeni è utile disporre di un anodo e rimpiazzarlo ogni anno.

Per proteggere questi pezzi, si installano uno o più elementi metallici il cui ruolo sarà quello di consumarsi al posto della barca. Tali elementi sono gli anodi. La lega utilizzata contiene il 99.996% di zinco Non sono dannosi per l'ambiente. Grazie al potenziale negativo del metallo zinco, l'anodo sarà attaccato al posto degli altri pezzi metallici a contatto con l'acqua di mare. Bisogna di conseguenza rinnovare periodicamente questa protezione affinché rimanga efficace.


Gli effetti della presenza di un anodo


Bisogna, in generale, cambiare gli anodi ogni anno, soprattutto se rimangono continuamente immersi nell'acqua. Si raccomanda l'utilizzo di un modello conforme alla superficie da proteggere.

Un'usura rapida (meno di 3 mesi) è anormale; in questo caso verificate che non ci siano delle perdite elettriche sulla barca; con ciò si intendono le perdite di corrente attraverso lo scafo dovute a un cattivo contatto o collegamento elettrico. Se gli anodi non vengono usati, verificata che l'elica non sia attaccata (punto corrosione) o che non cambi colore (elica in bronzo); lo stesso vale per gli alberi dell'elica, le guarnizioni in ferro del timone...

Se gli anodi non svolgono il loro compito, forse sono stati fissati malamente; di conseguenza il contatto con il pezzo sul quale esso è fissato non è assicurato (anodi allentati, vitame di scarsa qualità). Attenzione a non toccare mai un anodo, né la sua ubicazione, poiché il mancato contatto con i pezzi da proteggere o l'ambiente lo renderebbero totalmente inefficace. Gli anodi standard, i più comunemente utilizzati, proteggono gli elementi comuni a tutte le barche, altri sono specifici per i motori e sono per la maggior parte adatti a un determinato marchio.

Quale anodo scegliere per la mia barca e per il mio motore.

I vari tipi di anodo per scafo e anodo per motore


E' importante scegliere l'anodo giusto, quello che corrisponde ai vostri bisogni e la cui taglia, la forma e l'ubicazione sono stati determinati dal costruttore.


Avvisami! Offerte e vantaggi