> >Ormeggio> Scegliere la giusta ancora

Scegliere la giusta ancora

Scegli l'ancora più adatta al tipo di ormeggio e naviga in tutta tranquillità!


Per fare in modo che l'ancora adempia a tutte le sue funzioni di sicurezza e di comfort, è indispensabile sceglierla con precisione. Grazie alle nuove tecnologie, i criteri per scegliere l'ancora non si basano più unicamente sul peso, ma anche sulla forma e sulla lega che la compone.

 

Fondamentale:

Anche se le nuove regole sulla navigazione non prevedono più la dotazione obbligatoria dell'ancora per tutti i tipi di barca, devi considerarla come un fondamentale elemento di sicurezza. Ti terrà ben ormeggiato e ti consentirà di correre ai ripari o di raggiungere i punti di soccorso in caso di incidente.

Esistono diversi modelli di ancora a seconda del tipo di navigazione e di imbarcazione e del budget a tua disposizione.


L’ancora a marre articolate:

Per ormeggi occasionali e una tenuta corretta su fondali con sabbia fine o melmosi. Essa necessita di una catena almeno 3 volte più lunga rispetto alla profondità dell'acqua sotto la barca; è poco costosa e facile da far passare attraverso il musone.

Punti deboli: non è adatta a tutti i fondali, non si impianta più sul fondale in caso di sganciamento e scivola facilmente scavando una scia se incontra correnti, maree o forti tensioni.

 

 

 

L’ancora a vomere tipo Delta: 

Per ormeggio classico o d'urgenza. Ormeggiare a 6 volte la profondità dell'acqua sotto la barca. Le ancore a vomere non arano, ma sono state ideate per bloccarsi in fondi melmosi o sabbiosi. Può capitare (anche se di rado) che l'ancora si agganci ma, a causa della sua geometria, rifugga poi il punto di attracco se lo sforzo diventa meno rilevante.

 

 

Più l'ormeggio è lungo, più l'angolo di tiro è debole, più la tenuta dell'ancora è efficace.

 

 

 

 

L'ancora a ombrello:

E' destinata a fondali ricoperti di alghe ed è l'ideale per ormeggiare imbarcazioni da pesca o tender. Facile da conservare.

 


L’ancora galleggiante: 

Dispositivo che consente di stabilizzare un'imbarcazione reduce da sconvolgimenti causati da cattive condizioni climatiche o per rinforzare un ormeggio instabile.

  

 

 

 

 

Quale peso dell'ancora scegliere rispetto alla grandezza della barca?



                                                                                                                                                                                                                                                               tabella ancore

 

 

 

 

La regolamentazione:


Tutte le imbarcazioni sono ideate in modo tale da poter ormeggiare, essere ancorate e rimorchiate in tutta sicurezza. I dispositivi a bordo sono progettati in funzione della dimensione della nave e della sua categoria (per maggiori informazioni vedere il manuale consegnato dal produttore della barca). Tutte le barche devono avere a bordo un kit per l'ormeggio appropriato.

Tuttavia, le imbarcazioni capaci di trasportare un numero inferiore a 5 passeggeri, possono essere esonerate da questo obbligo, sotto la responsabilità del capitano della barca. Noi ti consigliamo ugualmente una catena pari ad almeno 5 volte la lunghezza della barca con un diametro equivalente (ad esempio, 12 mm per una barca di 12 m).

 

Per quanto riguarda le cime, puoi scegliere tra la composizione in poliammide o in poliestere.

 

Come ormeggiare?


Una cima lunga almeno 3 volte la profondità del fondale è lo stretto necessario.

Per le ancore a vomere consigliamo una cima 6 volte più lunga della profondità dell'acqua per una presa efficace.

Qualunque barca che pratichi la crociera o il day boat deve dotarsi di almeno due kit per l'ormeggio: un kit principale e un kit secondario (molto utile in caso di ormeggio d'urgenza o di problemi meccanici sul kit principale).

 

La scelta della zona di ormeggio è fondamentale; scegli un posto riparato, ricordandoti di accorciare la cima se il luogo è frequentato.

In caso di forte vento, per evitare danni alla barca, non esitare ad afforcare o appennellare le ancore.

Per afforcare, utilizza un grillo per ormeggio per collegare la seconda cima dell'ormeggio.

Se appennelli, fai attenzione a utilizzare due ancore dello stesso tipo (dotate della stessa tecnologia).

 

Se non puoi ormeggiare perché ti trovi in un luogo inadatto e pensi che la tua ancora possa bloccarsi, non esitare a rizzare una fune sul diamante dell'ancora (= grippare, fissare la corda a una grippia).

Fai attenzione a calcolare bene la lunghezza della corda necessaria per non sganciare l'ancora tendendo troppo la corda.


IMPORTANTE: non lasciare l'ormeggio fissato sulla ruota dentata ma su una bitta.



 

Come effettuare un buon ormeggio?

 

Schema afforco ancore

 

 

 

Come levare l'ancora?


Procedi nel modo che segue:

-          Preparti a partire e avviare il motore.

-          Recupera la cima dell'ormeggio mentre l'imbarcazione viene portata completamente sopra l'ancora.

-          Rizza la cima dell'ormeggio alando gradatamente la catena e accelera lentamente in retromarcia per sganciare l'ancora dal fondo e issarla.

-          Fissala bene a bordo, lavala e sistema la cima d’ormeggio.

 

 

I consigli di Orangemarine:

Tieni una distanza ragionevole dalle altre imbarcazioni: ciò eviterà problemi di catene aggrovigliate in presenza di altre barche.

 


Avvisami! Offerte e vantaggi