CONSEGNA GRATUITA A PARTIRE DA 199€
con DPD, esclusa la Sicilia e Sardegna e i grandi volumi

LOFRANS'
HARKEN
MUSTO
Torqeedo
Plastimo

 

 

La parola la conosciamo tutti, la sentiamo a ogni bollettino meteo. La descrizione anche, è un movimento che va e viene dal mare e dagli oceani. Ma la spiegazione del fenomeno rimane ancora poco chiara, eppure è estremamente importante conoscerlo, non tanto per curiosità quanto più per una navigazione sicura.

 

Il fenomeno delle maree si genera tramite 3 interazioni principali:

-          La rotazione della Terra

-          L’attrazione della Luna

-          L’attrazione del Sole

 

La forza centrifuga:

La rotazione della Terra crea la forza centrifuga. Questa si verifica con la tendenza delle particelle solide e liquide ad allontanarsi dal centro della terra verso l’esterno.

 

L’attrazione gravitazionale:

La Terra e la Luna si attirano a vicenda: si tratta dell’attrazione gravitazionale. L’acqua presente sulla superficie terrestre è attirata dalla Luna. Questa provoca uno spostamento da una parte all’altra della Terra. L’effetto del Sole è lo stesso ma dato che la distanza Terra-Sole è decisamente più ampia, l’effetto è minore.

 

          

                                      

Nel momento in cui Terra, Sole e Luna si trovano sullo stesso asse, le maree hanno un’ampiezza maggiore: in questo caso si parla di acque vive. Al contrario, quando si forma un angolo retto, l’ampiezza è nettamente inferiore e si parla di acque morte.

 

 

Oltre a ciò, l’attrazione lunare è più forte sulla faccia rivolta verso la Luna rispetto all’opposto. Questo provoca un sollevamento del mare e quindi ogni punto della superficie terrestre vede il mare sollevarsi due volte. Questo è il motivo per cui si verificano due maree al giorno.

Ci sono ulteriori elementi da considerare.

Le correnti, la profondità del fondale e la forma delle coste influenzano l’ampiezza della marea. È il caso, ad esempio, della baia di Mont Saint Michel: la sua particolare forma a imbuto comprime la massa d’acqua che arriva dall’Atlantico e provoca maree notevoli.

 

Per conoscere ancora meglio il fenomeno, ecco una lista delle parole chiave:

Ampiezza: indica il dislivello tra alta e bassa marea

Coefficiente di marea: indica la forza della marea; varia da 20 a 120

Flusso: corrente creata dall’onda

Escursione di marea: differenza del livello dell’acqua tra un’alta e una bassa marea consecutive