Il VHF

IL MEZZO PIU' SICURO PER CHIEDERE AIUTO IN CASO DI EMERGENZA

 

Il VHF marino è un elemento indispensabile per la sicurezza del diportista, in alto mare come in navigazione costiera. Esso permette di comunicare, ottenere informazioni meteo o chiamare i soccorsi in caso di emergenza.

Esistono due tipi di VHF marino: portatile e fisso. Anche se si possiede un telefono cellulare (satellitare o GSM), esso non può in alcun caso sostituire in VHF come dotazione di sicurezza.

 

L'essenziale

 

VHF portatile:

VHF con una portata teorica fino a 9 miglia (16 km) in funzione del rilievo. Essi sono compatti, quindi facili da trasportare, ed impermeabile a pioggia ed immersione. Con un'autonomia di 6 - 8 ore in media il VHF portatile deve essere utilizzato solo per uscite sulla giornata.

 

VHF fisso:

VHF con portata fino a 50 miglia (92 Km) in funzione della potenza e dell'altezza dell’antenna. Essi possono essere dotati di DSC che permette di automatizzare il messaggio di emergenza convertendolo al formato numerico e di diffonderlo in modo continuativo a tutte le imbarcazioni e le stazioni vicine.

  

La radio VHF marina fissa o portatile resta il mezzo imprescindibile per assicurare la sicurezza a bordo. Di portata superiore a quella del GSM in zona costiera, la radio VHF permette:

  • In caso di emergenza in mare, di diffondere l'informazione a tutte le imbarcazioni in zona, siano esse da diporto o di altro tipo, di comunicare con i mezzi di soccorso nautico e aereo in avvicinamento;
  • Di prendere conoscenza delle domande di soccorso degli altri naviganti. Esso rappresenta il primo mezzo di solidarietà tra naviganti.
  • Di ricevere bollettini meteo a intervalli regolari.

 

La ricezione dei bollettini meteo è gratuita sul canale 16 alle ore 01:35, 07:35, 13:45, 19:35 e 24 ore su 24 sul canale 68.

Alcuni VHF sono muniti di ricevente DSC che permette di avere una visione globale del traffico di barche nella propria zona di navigazione ed evitare così i rischi di collisione.

 

Alcuni sono dotati della funzione replay che permette di memorizzare gli ultimi secondi dell'ultima conversazione, di un altoparlante attivo con amplificatore integrato, delle funzioni megafono, corno da nebbia e Burp (vibrazione dell'altoparlante che evacua la condensa per migliorare il segnale audio).

Preferire i modelli con batteria sostituibile, per poterla cambiare quando è scarica. Le batterie non rimuovibili devono essere messe in carica prima di funzionare nuovamente.

I VHF portatili possono essere galleggianti e/o impermeabili.

  

La regolamentazione:

Per la navigazione entro 6 miglia dalla costa esso non è obbligatorio.

Per utilizzare un VHF bisogna essere in possesso della licenza e del certificato RTF. Il DSC eventualmente integrato può essere utilizzato solo se si è in possesso di un certificato specifico che varia in base al tipo di imbarcazione e all'utilizzo.

 

Dotazioni supplementari:

I membri dell'equipaggio possono essere forniti di PLB che, in caso di caduta in mare, permette un rapido reperimento da parte dei soccorsi. Il PLB è indispensabile per le persone che navigano in solitario.

Un armadietto dedicato al VHF permette di reperirlo rapidamente in caso di emergenza, senza doverlo cercare dappertutto a bordo.

 

Manutenzione:

Sciacquare il VHF portatile con acqua dolce dopo ogni uscita in mare.
In caso di corrosione dei poli della batteria, pulirli con una spazzola metallica.


Avvisami! Offerte e vantaggi